PROVVEDIMENTI REGIONALI – BANDI

Piano Sviluppo e Coesione della Regione Lazio (Delibera CIPESS n.29 del 29 aprile 2021 recante “Fondo sviluppo e coesione – Approvazione del piano sviluppo e coesione della Regione Lazio”) – Modifica della DGR n.799/2021 – Approvazione della nuova proposta di riprogrammazione delle linee di attività della sezione ordinaria e delle sezioni speciali 1 e 2 da sottoporre al Comitato di Sorveglianza e all’approvazione della Cabina di Regia, ai sensi della Delibera CIPESS n.2/2021.

Vedere allegato

Scarica file https://pasqualeciacciarelli.it/wp-content/uploads/2022/05/Piano-Sviluppo-e-Coesione-della-Regione-Lazio-Delibera-CIPESS-n.29-del-29-aprile-2021-recante-1.pdf

——

Approvazione dello schema del “Patto per le Nuove Competenze” con relativo Addendum nell’ambito del Protocollo di Intesa tra la Regione Lazio e le Parti Sociali “Politiche Attive del Lavoro” (sottoscritto in data 4 marzo 2021).

Vedere allegato

Scarica file https://pasqualeciacciarelli.it/wp-content/uploads/2022/05/Approvazione-dello-schema-del-Patto-per-le-Nuove-Competenze-con-relativo-Addendum-nellambito-del-Protocollo-di-Intesa-tra-la-1.pdf

—-

Criteri e modalità per la concessione di ulteriori contributi a fondo perduto alle librerie indipendenti e alle piccole case editrici della Regione Lazio in considerazione delle perduranti difficoltà economiche e sociali derivanti dall’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Scarica file https://pasqualeciacciarelli.it/wp-content/uploads/2022/05/Criteri-e-modalita-per-la-concessione-di-ulteriori-contributi-a-fondo-1.pdf

L’Amministrazione regionale intende sostenere ulteriormente le librerie indipendenti e le piccole case editrici della Regione Lazio, in considerazione delle perduranti difficoltà economiche e sociali derivanti dall’emergenza epidemiologica da COVID-19, affidando a LAZIOcrea S.p.A. la gestione del procedimento volto alla concessione ed erogazione del contributo a fondo perduto di complessivi euro 764.551,00, mediante specifico avviso pubblico a sportello per il finanziamento di progetti di promozione e diffusione della lettura per grandi e piccoli.

– per “Libreria indipendente”: si intende un’impresa, iscritta al Registro delle Imprese, o libero professionista, associazione o altra entità che sia localizzata nella Regione Lazio, dove eserciti regolarmente un’attività economica avente ad oggetto la vendita al dettaglio di libri nuovi e/o usati e possieda i requisiti indicati

– per “Piccola casa editrice”: si intende una Micro o Piccola impresa autonoma, iscritta al Registro delle Imprese, o libero professionista, associazione o altra entità, localizzata nel territorio della Regione Lazio, dove eserciti regolarmente un’attività economica avente ad oggetto l’edizione di libri e possieda i requisiti indicati

Il finanziamento complessivo dell’Avviso pari ad euro 764.551,00 sarà così suddiviso:

a) per le librerie indipendenti: importo di € 382.275,50;

b) per le piccole case editrici: importo di € 382.275,50.

I suddetti incentivi sono concessi in regime di de minimis

Le domande saranno esaminate secondo l’ordine cronologico di ricezione delle stesse. Le domande ammesse saranno oggetto di concessione dei contributi secondo il suddetto ordine cronologico fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

I contributi di cui all’Avviso de quo non sono cumulabili con altre forme di finanziamento e/o contributo erogati dalla Regione Lazio e/o da Enti dipendenti, pertanto, sono esclusi dal contributo i soggetti già destinatari, per la medesima iniziativa, di contributi a valere su specifiche leggi regionali, concessi dalla Regione attraverso le Direzioni o Enti dipendenti. Il progetto di cui alla domanda deve essere realizzato nel periodo intercorrente tra la data del 1° gennaio 2022 e il 31 ottobre 2022; gli eventi dovranno essere realizzati a decorrere dalla data di pubblicazione del bando fino al 31 ottobre 2022.

Le spese ammissibili devono riferirsi al periodo intercorrente tra la data del 1° gennaio 2022 e il 31 ottobre 2022.

Per ciascun progetto ammesso LAZIOcrea S.p.A. concederà un contributo a fondo perduto non superiore ad euro 10.500, determinato in base ai seguenti criteri:

a) per le librerie indipendenti: un contributo pari al 100% delle spese connesse allo svolgimento delle attività contenute nel progetto fino ad un massimo di euro di 5.000.

Inoltre, per le librerie che siano in possesso dei requisiti di seguito indicati, ferma restando la realizzazione del progetto, saranno concessi gli ulteriori contributi:

1) un contributo pari ad euro 2.500 esclusivamente per le librerie indipendenti che abbiano subito un calo di fatturato nell’esercizio 2021 pari almeno al 20% rispetto al fatturato annuo 2019; Deliberazione Giunta n. 226 del 21/04/2022

2) un contributo pari ad euro 2.500 esclusivamente per le librerie indipendenti che esercitino anche (con la stessa ragione sociale) l’attività di piccola casa editrice per lo svolgimento delle attività previste per detta categoria.

Fermo restando quanto sopra, verrà riconosciuta una premialità pari ad € 500,00 alle librerie indipendenti che organizzino iniziative di promozione della lettura legate all’anniversario dei 100 anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini da svolgersi nel periodo intercorrente tra la data di pubblicazione dell’Avviso e il 31/10/2022, in forma digitale (attraverso piattaforme e/o in streaming) o in presenza nel rispetto delle disposizioni sul distanziamento interpersonale e sicurezza.

b) per le piccole case editrici: – un contributo pari al 100% delle spese connesse allo svolgimento delle attività contenute nel progetto presentato fino ad un massimo di euro € 5.000.

Inoltre, per le piccole case editrici che siano in possesso dei requisiti di seguito indicati, ferma restando la realizzazione del progetto, saranno concessi gli ulteriori contributi a fondo perduto:

1) un contributo pari ad euro 2.500 esclusivamente per le piccole case editrici che abbiano subito un calo di fatturato nell’esercizio 2021 pari almeno al 20% rispetto al fatturato annuo 2019;

2) un contributo pari ad € 2.500 esclusivamente per le piccole case editrici che esercitino anche (con la stessa ragione sociale) l’attività di libreria indipendente per lo svolgimento delle attività previste per detta categoria.

Fermo restando quanto sopra verrà riconosciuta una premialità pari ad euro 500 in favore delle piccole case editrici che organizzino in collaborazione o presso librerie indipendenti del Lazio iniziative di promozione della lettura in forma digitale (attraverso piattaforme e/o in streaming) o da svolgersi in presenza nel rispetto delle disposizioni del distanziamento interpersonale (es: presentazioni, letture, reading, iniziative culturali e attività di promozione; appuntamenti musicali legati alla lettura e alla presentazione di libri, corsi, laboratori e workshop; iniziative di coinvolgimento di scuole e università) nel periodo intercorrente tra la data di pubblicazione dell’Avviso e il 31/10/2022.

L’Avviso sarà oggetto di pubblicazione, oltreché sul BURL, sulla home page e nelle sezioni Amministrazione Trasparente dei siti web istituzionali sia della Regione Lazio che di LAZIOcrea S.p.A.

Modifica D.G.R. 110 del 10 marzo 2022: integrazione del programma di manifestazioni fieristiche in convenzione tra Regione Lazio, Camera di Commercio di Roma e Unioncamere Lazio annualità 2022 ed aggiornamento della struttura amministrativa-gestionale.

Scarica allegatohttps://pasqualeciacciarelli.it/wp-content/uploads/2022/05/Modifica-D.G.R.-110-del-10-marzo-2022-integrazione-del-programma-di-manifestazioni-1.pdf

Atto di indirizzo per avviare programmi innovativi di rigenerazione urbana, recupero e riqualificazione del patrimonio abitativo sociale mediante la sottoscrizione di un Accordo di Programma da stipulare con il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili

Vedere allegato

Scarica file https://pasqualeciacciarelli.it/wp-content/uploads/2022/05/Atto-di-indirizzo-per-avviare-programmi-innovativi-di-rigenerazione-urbana-recupero-1.pdf

——–

Approvazione del contributo della Regione Lazio al Programma Nazionale di Riforma (PNR) 2022.

Vedere allegato

Scarica file https://pasqualeciacciarelli.it/wp-content/uploads/2022/05/Approvazione-del-contributo-della-Regione-Lazio-al-Programma-Nazionale-di-Riforma-PNR-2022.-1.pdf

——-

Attuazione Decreto del Ministro dell’istruzione 22 dicembre 2021, n. 356. Disciplina delle modalità di erogazione delle borse di studio in favore degli studenti residenti nella Regione Lazio e frequentanti le scuole secondarie di secondo grado statali e paritarie o i Percorsi triennali di IeFP – anno scolastico 2021/22 (art. 9, comma 4 del D. Lgs. n. 63/2017)

Scarica file https://pasqualeciacciarelli.it/wp-content/uploads/2022/05/Attuazione-Decreto-del-Ministro-dellistruzione-22-dicembre-2021-n.-356.-Disciplina-delle-modalita-di-erogazione-delle-borse-di.pdf

E’ stato deciso:

– di ammettere al beneficio delle borse di studio 2021/22 (D.M. n. 356/2021) gli studenti residenti nella Regione Lazio che presentano entrambi i seguenti requisiti:

· frequentanti nell’anno scolastico 2021/22 un Istituto secondario di secondo grado statale o paritario o i primi tre anni di un Percorso triennale di IeFP (quarti anni esclusi);

· appartenenti a famiglie con ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) non superiore a euro 15.748,78;

– di determinare l’importo della singola borsa di studio in euro 200,00 demandando alla Direzione Regionale Istruzione, Formazione e Lavoro la facoltà di rideterminarlo con successivo provvedimento in rapporto al numero totale dei richiedenti e alle risorse finanziarie disponibili nel limite massimo di euro 500,00 così come previsto dalle disposizioni ministeriali;

– di affidare ai Comuni, in quanto enti di prossimità in grado di raggiungere più facilmente l’utenza, i seguenti compiti:

· la raccolta delle domande di accesso alla borsa di studio degli studenti residenti nel proprio territorio;

· la valutazione formale della loro ammissibilità in base ai requisiti previsti dalla presente deliberazione;

· la trasmissione degli elenchi delle domande ammissibili alla Direzione Regionale Istruzione, Formazione e Lavoro mediante il sistema SICED – Sistema Informativo Centro Documentazione Istruzione della Regione Lazio sulla base delle indicazioni fornite dalla medesima con successiva nota;

– di adottare un’unica graduatoria regionale in ordine crescente di ISEE, riconoscendo la precedenza allo studente più giovane d’età in caso di parità di ISEE.

L. R. del 22 ottobre 2018, n.7, art.72 Azioni per la conservazione e promozione della storia e cultura delle donne, per il sostegno della libertà femminile e della prevenzione e contrasto alle discriminazioni di genere. Finalizzazione delle risorse per l’anno 2022 e approvazione dei criteri e delle modalità di concessione dei contributi alle Associazioni del Terzo Settore.

Scarica allegato https://pasqualeciacciarelli.it/wp-content/uploads/2022/05/L.-R.-del-22-ottobre-2018-n.7-art.72-Azioni-per-la-conservazione-e-promozione-della-storia-e-cultura-delle-donne-per-il-sostegno.pdf

Finalità e risorse La Regione riconosce il ruolo fondamentale delle associazioni senza scopo di lucro che operano nella conservazione e nella promozione delle storia e della cultura delle donne, nell’azione di sostegno della libertà femminile e della prevenzione e contrasto alle discriminazioni di genere, ai sensi degli articoli 1 e 3 della Costituzione, dell’articolo 1, comma 1, lettere a) ed e), dell’articolo 7, comma 3, e degli articoli 8 e 9 della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nel confronti delle donne e la violenza domestica. Per l’anno 2022 le risorse disponibili sul bilancio Regionale, missione 12 “Diritti sociali, politiche sociali e famiglia”, programma 04 “Interventi per soggetti a rischio di esclusione sociale” Capitolo U0000H41960, sono pari ad euro 200.000,00, di cui euro 49.000,00 destinati al completamento della graduatoria dei progetti ammessi e non finanziabili di cui all’allegato F della Determinazione Dirigenziale n. G14544/2020. Il restante importo, pari a euro 151.000,00, sarà destinato quale contributo alle Associazioni del terzo settore così come definite dall’art. 72, comma 2, L. R. n.7 del 22/10/2018, a seguito di Avviso Pubblico per la presentazione di progetti finalizzati alle azioni previste al paragrafo 3.

Il contributo massimo concedibile per ogni progetto non potrà superare la percentuale dell’80% del costo totale del progetto medesimo e, comunque, non potrà essere superiore alla somma di euro 20.0000,00, da considerarsi comprensivo delle ritenute fiscali di legge, se dovute.

Soggetti beneficiari del finanziamento: Sono ammesse al contributo le Associazioni in possesso dei requisiti previsti dall’art. 72, comma 2 della legge regionale n.7 del 22/10/2018, e dalle leggi regionali di riferimento, come di seguito riportati:

a. finalità statutaria esclusiva nella promozione della libertà femminile, della prevenzione e del contrasto alle discriminazioni e alla violenza di genere;

b. iscrizione agli albi e registri regionali del volontariato, della promozione o della cooperazione sociale o iscritte all’anagrafe delle ONLUS presso l’Agenzia delle entrate;

c. attestazione di almeno cinque anni di attività, corredata di documentazione relativa alle finalità cui alla lettera a);

d. una o più sedi di svolgimento di attività culturali ed erogazione di servizi gratuiti alla comunità di riferimento della Regione Lazio, relativi alle finalità di cui alla lettera a).

Non sono ammessi i soggetti che, nell’anno in corso, siano risultati beneficiari di altri contributi da parte della Regione Lazio nell’ambito dei settori sopraelencati, in riferimento alle medesime tipologie di spesa.

Avviso Pubblico:  Con determinazione dirigenziale si provvederà all’approvazione di apposito Avviso pubblico nel quale saranno dettagliate le modalità per la redazione dei progetti, nonché i termini e le modalità di presentazione delle richieste di contributo e per la rendicontazione delle spese sostenute.

VAS-2013_02. Comune di Campoli Appennino (FR). Procedimento di Valutazione Ambientale Strategica ex art.13 del D.Lgs. n.152/2006 relativo al “Piano Urbanistico Comunale Generale – PUCG del Comune di Campoli Appennino”. Parere Motivato di VAS.

Scarica allegatohttps://pasqualeciacciarelli.it/wp-content/uploads/2022/05/VAS-2013_02.-Comune-di-Campoli-Appennino-FR.-Procedimento-di-Valutazione-Ambientale-Strategica-ex-art.13-del-D.Lgs_.-1.pdf

Attuazione della D.G.R. n. 58/2022. Avviso Pubblico “RISTORO LAZIO DISCOTECHE 2” approvato con determinazione n. G02056 del 25/02/2021 e s.m.i . Concessione dei contributi.

Scarica file https://pasqualeciacciarelli.it/wp-content/uploads/2022/05/Attuazione-della-D.G.R.-n.-582022.-Avviso-Pubblico-RISTORO-LAZIO-DISCOTECHE-2-approvato-con-determinazione-n..pdf

Approvazione graduatoria beneficiari bando “RISTORO LAZIO DISCOTECHE 2”.

Determinazione 29 marzo 2021, n. G03386 “Attuazione Deliberazione di Giunta regionale n. 934 del 01 dicembre 2020 – Legge regionale n. 22 del 6 novembre 2019, art. 39,comma 1,lettera m, punto 1). Misure per la riqualificazione delle attività commerciali su aree pubbliche. Approvazione avviso pubblico e relativi allegati ” Approvazione graduatoria delle domande di contributo

Scarica allegatohttps://pasqualeciacciarelli.it/wp-content/uploads/2022/05/Determinazione-29-marzo-2021-n.-G03386-Attuazione-Deliberazione-di-Giunta-regionale-n.-934-del-01-dicembre-2020-.pdf

Approvazione e pubblicazione graduatoria domande di contributo

Enti di gestione delle aree naturali protette di interesse regionale ex artt. 14 e 40 della l.r. 29/1997 e ss.mm.: procedura di designazione di due membri del consiglio direttivo per ciascuno di sette essi. Riapertura dei termini per la presentazione delle candidature di cui all’avviso pubblicato sul bollettino ufficiale della Regione del 2 agosto 2018, n. 63.

Scarica allegatohttps://pasqualeciacciarelli.it/wp-content/uploads/2022/05/Enti-di-gestione-delle-aree-naturali-protette-di-interesse-regionale-ex-artt.-14-e-40-della-l.r.-291997-e-ss.mm_.-procedura-di-1.pdf

Attuazione della Deliberazione di Giunta regionale n. 859 del 24 novembre 2020. Protocollo d’Intesa tra la Regione Lazio e l’ANCI Lazio per attività di supporto ai comuni della Regione Lazio in materia di efficientamento energetico, fonti energetiche rinnovabili e mobilità sostenibile (codice Intervento MIR I202001286). Approvazione del Programma Operativo delle Attività (POA) relativo alla seconda annualità 2022.

Scarica allegato https://pasqualeciacciarelli.it/wp-content/uploads/2022/05/Attuazione-della-Deliberazione-di-Giunta-regionale-n.-859-del-24-novembre-2020.-Protocollo-dIntesa-tra-la-Regione-Lazio-e-1.pdf

Sociale: 1 mln per attività culturali, laboratori e percorsi formativi a favore degli anziani

https://www.regione.lazio.it/documenti/76984

Laboratori teatrali e musicali, percorsi guidati ed eventi legati alla valorizzazione delle risorse e della memoria storica del territorio, attività artistiche e interventi finalizzati alla trasmissione dei saperi alle nuove generazioni. Queste alcune delle azioni promosse mediante “l’Avviso pubblico per la selezione di progetti, attività ed iniziative innovative in favore dell’invecchiamento attivo”, con cui stanziamo un milione di euro per coinvolgere gli anziani nella vita di comunità, contrastando fenomeni di isolamento ed esclusione.

Destinatari dell’avviso sono le APS attive nella gestione di un centro anziani comunale, che potranno presentare il progetto anche in forma singola, e gli Enti del Terzo iscritti al Registro Unico Nazionale Terzo Settore che gestiscono centri anziani.

Le istanze, corredate dell’apposita documentazione allegata all’Avviso, dovranno essere presentate, a pena di esclusione, entro le ore 17:00 del 23 maggio 2022 a mezzo PEC, all’indirizzo inclusione.fragilita@regione.lazio.legalmail.it

Il finanziamento richiesto per ciascuna iniziativa non potrà essere superiore ad euro 20.000; non possono essere presentate proposte che abbiano ricevuto altri finanziamenti nell’ambito di programmi comunitari, nazionali o regionali, e i progetti ammessi al contributo dovranno essere attivati entro 30 giorni dalla ammissione al finanziamento e concludersi entro 12 mesi dalla dichiarazione di inizio della attività progettuali e le proposte.

I soggetti partecipanti devono avere sede legale e operativa nel Lazio e aver maturato un’esperienza di almeno due anni nell’ambito delle attività di cui al presente Avviso.

Cultura: 48 milioni dal PNRR per la valorizzazione del patrimonio architettonico e paesaggistico rurale del Lazio

Gli interventi previsti riguardano edifici e insediamenti storici che siano testimonianze significative della storia delle popolazioni e delle comunità rurali, delle rispettive economie agricole tradizionali, dell’evoluzione del paesaggio. In particolare è destinato a:

a) edifici rurali (manufatti destinati ad abitazione rurale o destinati ad attività funzionali all’agricoltura come mulini ad acqua o a vento, frantoi, che abbiano o abbiano avuto un rapporto diretto o comunque connesso con l’attività agricola circostante e che non siano stati irreversibilmente alterati nell’impianto tipologico originario, nelle caratteristiche architettonico-costruttive e nei materiali tradizionali impiegati;

b) strutture o opere rurali (manufatti che connotano il legame organico con l’attività agricola di pertinenza come fienili, stalle, essiccatoi, forni, pozzi, fontane, abbeveratoi, ponti, muretti a secco e simili);

c) elementi della cultura, religiosità, tradizione locale (manufatti tipici della tradizione popolare e religiosa delle comunità rurali quali cappelle, chiese rurali, edicole votive, ma anche dei mestieri della tradizione connessi alla vita delle comunità rurali.

L’Avviso è rivolto a persone fisiche e soggetti privati profit e non profit, compresi gli enti ecclesiastici civilmente riconosciuti, enti del terzo settore e altre associazioni, fondazioni, cooperative, imprese in forma individuale o societaria, che siano proprietari, possessori o detentori a qualsiasi titolo dei beni appartenenti al patrimonio culturale rurale (di proprietà pubblica o privata).

Il contributo è concesso fino a 150 mila euro per massimo l’80% del finanziamento totale e per il 100% se il bene è oggetto di dichiarazione di interesse culturale.

La domanda di finanziamento potrà essere presentata da martedì 19 aprile ed entro e non oltre le ore 16:59 del 20 maggio 2022 utilizzando esclusivamente l’applicativo informatico predisposto da Cassa depositi e prestiti S.p.A. e accessibile all’indirizzo https://portale-paesaggirurali.cdp.it, secondo la procedura “a sportello”. La Regione provvederà alla trasmissione degli elenchi delle domande ammissibili a finanziamento al Ministero della Cultura entro il 31 maggio 2022.

Avviso Pubblico “Connettività scuole 1 edizione” e “Connettività scuole 2 edizione”

https://www.regione.lazio.it/documenti/77093

E’ stata pubblicata la Determinazione Dirigenziale G05112 del 28.04.2022 con cui sono stati specificati i costi ammissibili e si è data autorizzazione all’avvio delle attività con riferimento ai progetti ammessi a finanziamento di cui agli Avvisi Pubblici “Connettività scuole 1 edizione” e “Connettività scuole 2 edizione”.

Pubblicazione elenco progetti ammessi a finanziamento

 —

Dimore storiche: dal 1° maggio i nuovi accreditamenti

L’accreditamento permette di aderire alla Rete Regionale delle dimore, ville, complessi architettonici e paesaggistici, parchi e giardini di valore storico e storico-artistico della Regione Lazio, al fine di farne conoscere e valorizzare lo straordinario patrimonio storico e artistico.

Con l’adesione sarà possibile sia fruire delle attività ed iniziative promosse dalla Regione per la visibilità e conoscenza dei luoghi, sia partecipare agli avvisi pubblici per la concessione di contributi per la valorizzazione.

Beneficiari     Proprietari pubblici e privati dei beni previsti dall’avviso

I proprietari dei beni dotati dei requisiti previsti, possono inoltrare domanda di accreditamento a partire dalle ore 12.00 del 1 maggio  e fino alle ore 11.59 del 30 giugno p.v., alla PEC cultura@regione.lazio.legalmail.it utilizzando l’apposita modulistica e allegando la documentazione richiesta.
Si segnala contestualmente che il mod. 4 INFORMATIVA PRIVACY, già approvato con Det. G04725/2021, è aggiornato con i riferimenti al  Responsabile della Protezione dei dati (DPO) e alla normativa attuali.

 Per i beni già accreditati nella Rete non sono previsti ulteriori adempimenti.

Contatti

PNRR – Avviso pubblico per presentazione e selezione progetti di ricerca

https://www.regione.lazio.it/notizie/salute/pnrr%E2%80%93avviso-pubblico-presentazione-selezione-progetti-ricerca

La Regione, in qualità di Destinatario Istituzionale, invita le Aziende sanitarie, le Aziende Ospedaliere e le Aziende Ospedaliero-universitarie del Lazio a prendere visione dell’Avviso pubblico per la presentazione e selezione di progetti di ricerca da finanziare nell’ambito del PNRR – Missione: M6/componente: C2, Investimento: 2.1 Valorizzazione e potenziamento della ricerca biomedica del SSN, pubblicato il 20 aprile u.s. sul portale del Ministero della Salute.

L’Avviso pubblico è finalizzato alla presentazione e selezione di progetti di ricerca sulle tematiche:

  • Proof of concept (PoC)
  • Malattie Rare (MR)
  • Malattie Croniche non Trasmissibili (MCnT) ad alto impatto sui sistemi sanitari e socio-assistenziali, con focus su:
    • Fattori di rischio e prevenzione
    • Eziopatogenesi e meccanismi di malattia

La partecipazione richiede il preliminare accreditamento dei ricercatori come principal investigator oppure come ricercatore collaboratore, attraverso la piattaforma Workflow della Ricerca . La data di apertura del sistema è il 27 aprile 2022.

POR FSE 2014-2020, Azioni formative e seminariali per l’accrescimento e l’aggiornamento delle competenze degli operatori del settore audiovisivo

https://www.lazioeuropa.it/bandi/por_fse_2014_2020_azioni_formative_e_seminariali_per_l_accrescimento_e_l_aggiornamento_delle_competenze_degli_operatori_del_settore_audiovisivo-875/

L’avviso interessa aziende operanti nei diversi segmenti che compongono la filiera audiovisiva (dalla progettazione alla produzione, dall’organizzazione al marketing fino alla distribuzione del prodotto finale ed ha come oggetto la realizzazione di percorsi formativi e seminariali rivolti a:

A) destinatari occupati

Possono partecipare agli interventi formativi lavoratori occupati presso imprese operanti in unità localizzate nel territorio regionale con contratto di lavoro dipendente e contrattualizzati con altre forme contrattuali previste dalla normativa vigente, compresi i soggetti assunti con contratto di apprendistato, purché la formazione svolta nell’ambito del progetto presentato non sostituisca in alcun modo la formazione obbligatoria per legge prevista per gli apprendisti; tali soggetti devono essere residenti e/o domiciliati da almeno 6 mesi nella Regione Lazio al momento della pubblicazione dell’Avviso pubblico.

B) destinatari disoccupati/inoccupati

Possono partecipare agli interventi formativi inoccupati o disoccupati residenti o domiciliati da almeno 6 mesi nella Regione Lazio, purché maggiorenni, in possesso di titolo di studio adeguato all’accesso ai percorsi formativi proposti nel rispetto della normativa vigente in ordine all’assolvimento dell’obbligo; il titolo di studio richiesto per l’ammissione ai percorsi formativi dovrà essere specificato dal Soggetto proponente nella proposta progettuale. Sono considerati inoccupati o disoccupati a tutti gli effetti anche i lavoratori in mobilità, lavoratori subordinati o parasubordinati che, durante l’anno, non percepiscono un reddito lordo complessivo superiore a € 8.000 e € 4.800 in caso di lavoratori autonomi.

Si precisa che ogni proposta progettuale dovrà riguardare soltanto una delle categorie di destinatari sopra indicate.

Possono presentare proposte progettuali per Interventi rivolti ad occupati:

  • Imprese iscritte al registro della CCIAA aventi sede operativa nel territorio della Regione Lazio, indipendentemente dalla loro dimensione, operanti nei diversi segmenti della filiera audiovisiva regionale (dalla progettazione alla produzione, dall’organizzazione al marketing fino alla distribuzione del prodotto finale, etc.) e aventi quindi un codice ATECO coerente con il settore di riferimento del presente Avviso;
  • operatori della formazione, accreditati per la macrotipologia Formazione Continua ai sensi della DGR n. 682/2019 – su delega espressa delle imprese interessate o in ATI/ATS con le stesse, in possesso di un Codice Orfeo coerente rispetto alle tematiche formative prevalenti in termini di durata oraria nella proposta progettuale in cui sono coinvolti; si rammenta che il possesso del codice “VARIE” è considerato valido solo qualora non esista, nella classificazione, nessun codice attinente al settore/tema oggetto della proposta progettuale.

Le risorse disponibili per il presente Avviso ammontano complessivamente ad Euro 1.171.404,88.

I progetti dovranno essere realizzati e rendicontati in un arco temporale di 6 mesi e comunque entro il 28 febbraio 2023.

I progetti devono essere presentati esclusivamente attraverso la procedura telematica accessibile dal sito https://sicer.regione.lazio.it/sigem-gestione/.

La procedura telematica è disponibile in un’area riservata del sito, accessibile previa registrazione del soggetto proponente e successivo rilascio delle credenziali di accesso (nome utente e password). I soggetti già registrati potranno accedere inserendo le credenziali in loro possesso. L’inserimento delle credenziali permette l’accesso alla compilazione di tutte le sezioni previste per la presentazione della proposta progettuale.

La procedura di presentazione del progetto è da ritenersi conclusa solo all’avvenuta trasmissione di tutta la documentazione prevista dall’avviso, da effettuarsi a partire dalle ore 10.00 del 28 aprile 2022 ed entro le ore 12.00 del 31 maggio 2022.

RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO   Ai sensi della L. 241/90 e s.m.i., il responsabile unico del procedimento è il Direttore dell’Organismo Intermedio ASS.FOR.SEO. Società Consortile ar.l.,

Eventuali informazioni complementari e/o chiarimenti sul contenuto dell’Avviso e dei relativi allegati potranno essere richiesti esclusivamente a mezzo e-mail all’indirizzo

formazione@movieup2020.it entro 15 giorni dalla scadenza per la presentazione delle proposte progettuali.

Documentazione di riferimento

La documentazione dell’avviso è pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Lazio ed è disponibile sul portale della Regione Lazio (https://www.regione.lazio.it/cittadini/formazione/)

nonché sul sito della S.G. www.movieup2020.it.

Programma FSE+ 2021-2027, Voucher per l’acquisto di percorsi formativi per il settore dell’autotrasporto

https://www.lazioeuropa.it/bandi/programma_fse_2021_2027_voucher_per_l_acquisto_di_percorsi_formativi_per_il_settore_dell_autotrasporto-847/

L’Avviso prevede la concessione di voucher per il settore dell’autotrasporto di merci per la partecipazione a percorsi formativi professionalizzanti al fine di contribuire all’integrazione immediata nel mercato del lavoro di disoccupati/inoccupati.

In particolare, i destinatari potranno utilizzare il voucher per partecipare ai percorsi formativi preparatori per accedere agli esami finalizzati al conseguimento delle seguenti attestazioni:

  • Patente C o C1; – Carta di Qualificazione del Conducente Merci (CQCM);
  • Patentino ADR per il trasporto di merci pericolose.

Il voucher potrà essere utilizzato anche per acquisire congiuntamente le patenti e le attestazioni di cui sopra. Il voucher non può al contrario essere utilizzato per la partecipazione ai corsi di aggiornamento. I percorsi per i quali può essere riconosciuto il voucher possono essere erogati da autoscuole private localizzate nel Lazio

I voucher sono destinati a disoccupati/inoccupati residenti o domiciliati nel Lazio in possesso almeno di una patente di guida di tipo B; per partecipare al percorso, gli interessati dovranno risultare iscritti ad un CPI ed aver rilasciato una DID (Dichiarazione di immediata disponibilità).

Le informazioni in merito all’iscrizione al CPI, sul rilascio della DID e per il contatto con i centri sono disponibili al seguente portale regionale

http://spaziolavoro.regione.lazio.it/pages/lavoro/i-centri-limpiego

http://spaziolavoro.regione.lazio.it/pages/lavoro/servizi-al-cittadino/le-iscrizioni

I disoccupati extracomunitari dovranno essere residenti nella regione Lazio ed in possesso di un regolare permesso di soggiorno CE (ai sensi del d.lgs. 25 luglio 1998, n. 286 e tenendo conto delle disposizioni di cui all’art. 5 del decreto-legge 14 gennaio 2021 n. 2 convertito, con modificazioni, dalla legge 12 marzo 2021, n. 29

L’importo complessivamente stanziato è di 1.000.000 euro a valere sul PR FSE+2021-2027” Priorità “Occupazione” – Obiettivo specifico a).

L’ammontare delle differenti tipologie di contributo è il seguente:

  1. Patente C, fino ad un massimo di 500,00 euro;
  2. Patente C1, fino ad un massimo di 1.100,00 euro;
  3. Carta di Qualificazione del Conducente Merci (CQCM) fino ad un massimo di 3.000,00 euro;
  4. Patentino ADR per il trasporto di merci pericolose fino ad un massimo di 700,00 euro;
  5. Patente C e Carta di Qualificazione del Conducente Merci (CQCM) fino ad un massimo di 3.500,00 euro;
  6. Patente C1 e Carta di Qualificazione del Conducente Merci (CQCM) fino ad un massimo di 4.100,00 euro;
  7. Patente C e Patentino ADR per il trasporto di merci pericolose fino ad un massimo di 1.200,00 euro;
  8. Patente C1 e Patentino ADR per il trasporto di merci pericolose fino ad un massimo di 1.800,00 euro;
  9. Patente C, Carta di Qualificazione del Conducente Merci (CQCM) e Patentino ADR per il trasporto di merci pericolose fino ad un massimo di 4.200,00 euro;
  10. Patente C1, Carta di Qualificazione del Conducente Merci (CQCM) e Patentino ADR per il trasporto di merci pericolose fino ad un massimo di 4.800,00 euro.

11. Il valore del voucher riconosciuto è pari al 50% del costo delle patenti e delle abilitazioni descritte in precedenza entro i massimali previsti per la singola tipologia di contributo numerate da 1 a 10.

12. Le domande possono essere presentate a partire dalle ore 9:00 del 21 febbraio 2022 e comunque entro le ore 17:00 del 30 giugno 2022, compilando l’Allegato A dell’Avviso da sottoscrivere e trasformare in PDF, e inviare esclusivamente via PEC all’indirizzo: 

13. autotrasportatori2022@regione.lazio.legalmail.it.

14. riportando nell’oggetto della PEC la seguente dicitura “Voucher per l’acquisto di percorsi formativi per il settore dell’autotrasporto”.

15. Contatti

16. Ai sensi della L. 241/90 e s.m.i., il responsabile unico del procedimento è il Dott. Paolo Giuntarelli dell’Area Predisposizione degli Interventi della Direzione Regionale Istruzione Formazione e Lavoro.

17. Per assistenza e supporto, anche in fase di presentazione delle proposte, è possibile scrivere a: voucher-autotrasporto@regione.lazio.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *